biblion edizioni milano
Guarda il carrello
Civiltà del libroAdriatica modernaStoria, politica, societàFotografiaScriba. Collana di studi e testiFronde SparteCircolo PolareCentro Studi BiblionBIM - Biblion International MonographsBiblion Edizioni RareLingua incerta, nuova...Patrimonio Veneto nel MediterraneoLuoghi d'arte in ItaliaUniversale BiblionDivulgare la storiaDante 2021. Verso il VII centenario della morte di Dante AlighieriQuaderni del Centro di documentazione sulle architetture militari di Forte MargheraQuaderni di politicaRiflessioni politicheCittà GentiliChaos kai Kosmos - Incontri e scontri di civiltàGuicciardinianaCataloghi d'arte
Home > Collane > Quaderni del Centro di documentazione sulle architetture militari di Forte Marghera > Dalla Serenissima all'aquila bicipite
Dalla Serenissima all'aquila bicipite

biblion edizioni Dalla Serenissima all'aquila bicipite


Le basi navali e gli arsenali di Venezia, Pola e Cattaro durante la Grande Guerra

Saggi di Martino Ferrari Bravo, Ilija Lalosevic, Raul Marsetic Radojica Pavicevic


Venezia, Pola e Cattaro; tre porti; tre basi marittime; tre arsenali; tre imponenti “Piazze di Difesa” circondate da linee di forti e di batterie costiere. Situate ai lati opposti dell’Adriatico, per secoli tutte e tre parti e cuore del sistema marittimo commerciale e militare della Serenissima, le tre località, ammainato nel 1797 il gonfalone di San Marco, torneranno nel 1814 a condividere una sorte comune sotto una stessa bandiera, divenuta quella giallo nera con l’aquila bicipite degli Asburgo, e le loro navi continueranno a condividere le stesse acque con una comune insegna; quella della marina austriaca. Ma sarà solo un breve periodo, interrotto definitivamente nel 1866 quando il Veneto viene annesso all’Italia. A questo punto le acque dell’Adriatico diventano, forse per la prima volta, in tutta la loro lunghezza, un confine e da una parte e dall’altra ci si attrezza per difenderlo o per superarlo. Oggi quei confini ancora presenti si stanno sfumando e da una parte e dall’altra si è di nuovo aperta una corsa parallela al recupero e alla valorizzazione di un patrimonio architettonico che vuole questa volta ricordare e non affermare, parlare di pace e non di guerra. Per questa ragione ci è sembrato importante raccontare la storia parallela delle tre basi navali e dei rispettivi arsenali di Venezia, Pola e Cattaro.

106 pagg., illustrato
2012 (
Indice del libro (PDF)

Inserisci nel carrello


P.iva: 04430980963  -   Sede legale: Corso Magenta 85, 20123 Milano  



Homepage