William Bateson, l’uomo che inventò la genetica

15.00

Piero Borzini

8 maggio 1900: un uomo sta salendo sul treno per Londra, dove terrà una conferenza sull’ereditarietà dei caratteri delle piante. Ha in mano l’articolo di un poco noto ricercatore cecoslovacco – Gregor Mendel – riguardo ai risultati di una ricerca sui caratteri dei piselli.  Sceso dal treno, sa di aver trovato le risposte a molte domande nate nella sua attività di ricercatore.

Quest’uomo, dal carattere burbero e spigoloso, grande sostenitore del diritto allo studio delle donne, fondò a Cambridge la prima Scuola di Genetica del mondo: il suo nome era William Bateson. Il volume racconta le vicende scientifiche e umane dello studioso che chiamò “genetica” la disciplina che avrebbe cambiato la sua vita e la nostra.

242 pag.
(La serratura e la chiave; 1)
2015
ISBN 978-88-98490-33-2

Recensioni
Methodologia – Working Papers n. 299
Altre Modernità n. 15 – 05/2016

6 disponibili