perazzoli La socialdemocrazia europea e il revisionismo degli anni Cinquanta

di Jacopo Perazzoli

Prefazione di Andrea Panaccione

La revisione della dottrina e della prassi politica contraddistinse il cammino del movimento socialista nel corso del secondo dopoguerra. Uscito distrutto dalla seconda guerra mondiale, incapace di offrire una visione alternativa a quella dei conservatori che guidavano gli esecutivi dei principali paesi dell’Europa occidentale, il movimento e nello specifico i partiti socialisti dovettero trovare la via per diventare forze legittimate a governare. Questo libro ricostruisce, facendo ampio ricorso a fonti archivistiche, proprio il passaggio che portò le forze socialiste ad adottare una visione di governo. Il Labour Party inglese, la Socialdemocrazia tedesca e il Partito socialista italiano, pur essendo forze politiche differenti, decisero di mettere in campo un chiaro rinnovamento della proposta politica: un revisionismo che permise l’accesso alla «stanza dei bottoni», come avvenne nel corso degli anni Sessanta.

ISBN 978-88-98490-39-4

Vai alla scheda del libro

Categorie: NewsNovità