Carrello

di Filippo Pennacchio

“Nello specifico, intendevo riflettere sul modo in cui i fattori come la notevole rapidità di circolazione a livello mondiale dei testi letterari, la conseguente possibilità che i rispettivi autori siano più visibili che in passato, ma anche l’esistenza di immagini globalmente condivisi, abbiano inciso sulla forma dei testi stessi, segnatamente di quelli romanzeschi.”

-> Vai alla scheda libro