Carrello

Nuova uscita nella collana “Saggi Biblion”: Gli anni dell’atomo. Storia dell’industria elettronucleare in Italia, di Flavio Parozzi.

Il nostro Paese, non avendo risorse energetiche sufficienti per sostenere uno sviluppo industriale autonomo, è stato uno dei primi a intraprendere, sin dagli anni Cinquanta, la costruzione di centrali nucleari per produrre energia elettrica. Oggi, dopo lunghe e travagliate vicende, l’Italia non possiede tuttavia alcuna centrale funzionante, impiegando combustibili fossili per oltre la metà del proprio fabbisogno e importando dalle nazioni confinanti quote significative di energia, prodotta anche con impianti nucleari. Perché? La risposta è offerta chiaramente dalla narrazione contenuta in questo libro, che racconta in maniera obiettiva gli oltre settant’anni di ricerca italiana sull’impiego dell’atomo per scopi pacifici. Nel ripercorrere i principali momenti di questa storia, iniziata in modo pionieristico nella Milano del secondo dopoguerra e proseguita nei decenni successivi grazie al contributo di moltissimi professionisti, l’autore mette anche in evidenza gli aspetti tecnici, tecnologici e di studio più significativi. Si arriva così a conoscere lo sviluppo di un settore industriale potenzialmente centrale, la sua fine e il suo importante presidio di conoscenza.

Flavio Parozzi è nato a Milano nel 1952. Si è laureato in Ingegneria Nucleare presso il Politecnico di Milano e per oltre trent’anni ha condotto attività di ricerca teorica e sperimentale nel settore energetico, in particolare nel campo dell’energia nucleare, partecipando a svariati progetti nazionali, europei e statunitensi. La sua esperienza professionale è maturata nelle strutture della ricerca ENEL, e successivamente in CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano) e infine in RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), in qualità di responsabile del Gruppo di Ricerca Nucleare. I suoi interessi scientifici sono essenzialmente rivolti ai problemi-chiave dai quali dipendono sia l’affidabilità che l’accettabilità dei processi per la generazione di energia. È riconosciuto come uno dei maggiori esperti internazionali di incidenti nucleari che comportano rischi per l’ambiente esterno. Ha condotto attività di docenza e di tutoring collegati ai corsi di laurea in Ingegneria, Fisica e Scienze Ambientali e, in ambito internazionale, a corsi specialistici sulla sicurezza delle istallazioni energetiche. Svolge incarichi in qualità di esperto della Comunità Europea per la valutazione di progetti di ricerca nel settore nucleare. Al suo attivo ha molte pubblicazioni, presentazioni a conferenze e seminari di livello specialistico e internazionale, nonché di livello divulgativo su varie riviste italiane. È promotore di indagini documentaristiche e di attività culturali dedicate alla salvaguardia del patrimonio storico-scientifico legato alla ricerca italiana attraverso l’associazione culturale CISE2007 (Centro Italiano per la Sostenibilità e l’Energia), di cui è presidente dal 2013. È membro della Commissione Energia dell’Ordine degli Ingegneri di Milano.