Carrello
Non solo garibaldini: chi furono gli italiani che parteciparono alle esaltanti e tragiche giornate della primavera parigina del 1871

Il nome più famoso è quello di Amilcare Cipriani, ma poco si sa degli altri italiani che parteciparono alla prima grande esperienza di autogoverno della storia contemporanea, la Comune di Parigi, una forma di organizzazione autogestionaria, di stampo socialistalibertario, che la città assunse dal 18 marzo al 28 maggio 1871. Prova a dare loro un volto e a narrarne la storia – e spesso i tragici epiloghi di vite avventurose – Giuseppe Sircana nell’agile volume A Parigi! A Parigi! Italiani alla Comune. C’erano i garibaldini, molti dei quali reduci dell’Armata dei Vosgi, che, dopo aver combattuto i prussiani, ripresero le armi contro i reazionari di Adolphe Thiers. Ma accanto a questi, molti altri italiani furono partecipi delle esaltanti e tragiche giornate della primavera parigina del 1871. Non sempre combattendo sulle barricate. Alcuni furono chiamati a ricoprire incarichi civili, altri prestarono servizio negli ospedali e nelle ambulanze. Accanto a quelli che potremmo definire “rivoluzionari professionali” troviamo anche medici, scultori, musicisti. C’erano diversi oriundi, cittadini francesi figli di italiani, e soprattutto tanti emigrati, che aderirono alla rivolta non per convinzione ma per necessità, per provvedere al sostentamento della famiglia.. Attraverso percorsi diversi si ritrovarono a Parigi, all’appuntamento con la storia e, quando la rivolta fu soffocata nel sangue, in tanti pagarono, con il carcere, la deportazione e con la vita.

Giuseppe Sircana, storico, giornalista pubblicista, collaboratore di quotidiani e periodici, ha curato 134 voci per il Dizionario biografico degli italiani dell’Enciclopedia Treccani. I suoi studi si rivolgono alla storia contemporanea, con particolare riferimento alle vicende del movimento operaio, al centro di diversi suoi libri. Tra i più recenti ricordiamo Nel cuore rosso di Roma. Il Celio e la Casa del Popolo, 2016; Futura umanità. L’utopia di Antonino Riggio, 2017; La festa ribelle, Storia e storie del Primo maggio, 2019.

Categorie: Novità