In offerta!

La lingua della città che non esiste

23.75

Italiano e dialetto nella formazione dell’identità nazionale

Di Giuseppe Polimeni

Nel Proemio all’“Archivio Glottologico Italiano”, Graziadio Isaia Ascoli considera il modello della vita civile e nazionale tedesca, perché «la salda unità intellettuale e civile della Germania» risulta «affatto moderna», ma «così profondamente salda» appare «l’unità della sua lingua». È l’effetto di un processo in cui «l’energia della progredita cultura, e del ridesto sentimento nazionale» si è congiunta «a un’operosità infinita», in un percorso che ha portato «ogni studio del vero e dell’utile» a determinare un’«unione d’intenti e di affetti» tale da colmare ogni «distanza materiale» tra i tedeschi, rendendoli tutti «cittadini di una città che non esiste». Il volume illustra momenti diversi dello «scambio continuo» in cui, tra Ottocento e Novecento, si manifesta la forza del vivere comune nel costituirsi della lingua: un processo in cui la penna degli scrittori e quella degli studiosi lavorano a costruire una consapevolezza diffusa, che gradualmente conduce gli italiani verso una moderna identità di espressione e di comunicazione. A partire dalla ricerca dialettologica di Francesco Cherubini e di Carlo Salvioni, attraverso la divulgazione erudita proposta dai cultori della storia locale, si arriva a toccare proposte editoriali complesse (quelle di Luca Beltrami e di Marino Parenti intorno alle edizioni illustrate dei Promessi sposi), per considerare l’esperienza di mediazione del comico della collana dei “Classici del ridere” di Angelo Fortunato Formiggini. Tocca agli scrittori del secondo Novecento definire una realtà nuova, che cerca nella lingua l’espressione di un disagio e di una resistenza: le pagine di Romano Bilenchi, come quelle di Lucio Mastronardi, nell’incrinatura della narrazione, fanno cadere l’idea del racconto tipica di una tradizione per certi versi ormai stanca e fondano su un codice finalmente comune la possibilità di raccontare le fratture della società e dell’individuo.

Collana: Saggi Biblion

Anno: 2020

pp. 336

ISBN: 978-88-33831-00-8

Disponibile anche in formato eBook.